Un’antica tradizione pasticcera: il plumcake

Un’antica tradizione pasticcera: il plumcake

Il plumcake è un dolce di origine inglese a base di farina, uova, zucchero, burro e/o frutta secca o candita,
talvolta con l’aggiunta di spezie e liquori. … Il termine plum cake deriva dal fatto che anticamente in Inghilterra si usavano come ingrediente le prugne (plum) secche.

Un’altra storia narra che in realtà con la parola plumcake in inglese si volesse indicare un dolce tedesco, fatto effettivamente con le prugne, ma simile ad una crostata che con il nostro odierno plumcake non centra nulla… Nella ricetta del plumcake italiano, infatti, la consistenza e l’aspetto sono del tutto diversi da quelli di una classica crostata con una base di pasta frolla.

L’impasto del plumcake in realtà è soffice, il suo gusto delicato, sa di latte, uova e farina.

La parola inglese corretta in realtà è “pound cake”, ossia un dolce  inventato nel Settecento molto semplice da ricordare e adatto nella preparazione anche a chi era analfabeta. La torta pound, infatti, prevedeva di essere preparata con un pound (corrispondente a circa 450 g) di ogni ingrediente: un pound di zucchero, un pound di farina, un pound di uova e uno di burro.

Col passare del tempo poi l’arte pasticcera si è rinnovata e raffinata tanto da elaborare ricette dove le proporzioni tra gli ingredienti sono state ridimensionate ed in taluni casi stravolte per dare caratteristiche diverse al prodotto finito.

Nel contempo le varianti hanno significato anche l’introduzione di nuovi ingredienti e nuovi abbinamenti tanto che con Plum Cake oggi come oggi non si intende più un dolce ben preciso ma un intero genere, al punto che non è raro imbattersi per esempio in un Plum Cake salato.